INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> > > Parchi urbani

Parchi urbani

Creazione di parchi urbani per mitigare la calura della città durante l'estate


PROGETTO GIAROL GRANDE

Una componente importante del progetto di Ricerca Ulss-Iuav è costituita dalla esperienza sperimentale di progettazione partecipata in una delle aree verdi urbane della città di Verona.

L’ipotesi di fondo della Ricerca è che la presenza di spazi verdi progettati per essere effettivamente vissuti migliori non solo la salute fisica delle persone, ma anche i loro rapporti e la capacità di occuparsi attivamente del benessere e della qualità degli spazi della vita collettiva.

Sviluppo di un’esperienza di progettazione partecipata per il Parco Adige sud - Fase b del Programma di ricerca dal titolo "Lo spazio aperto e il verde urbano, Una risorsa per l’aumento del capitale sociale.

Rapporto di ricerca Scarica (.pdf) 11 Mb Proposta progettuale Scarica (.pdf) 2,5 Mb

Nella primavera del 2012 è stato concordato un programma di collaborazione fra il Dipartimento di Prevenzione dell'ULSS 20 e l'ufficio Ambiente del Comune di Verona per incrementare e migliorare l'utilizzo da parte dei cittadini di una vasta zona (circa 220 ettari) posta a sud della città ed inserita nell'area del parco Adige Sud.

Proposta collaborazione inviata al Comune

Proposta di collaborazione e di ricerca su programma di valorizzazione del Parco Adige sud - area del Giarol e successiva riposta da parte del Comune di Verona

L'intervento si articola in due stralci funzionali (come precisato nel progetto preliminare) per un costo complessivo di circa 1.100.000 Euro. Un terzo della quota è a carico del Genio Civile di Verona; i restanti due terzi sono a carico del Comune di Verona. La Fondazione Cariverona contribuisce alla quota del Comune con circa 500.000 Euro.

Progetto preliminare Comune di Verona

Progetto per la messa in sicurezza idraulica del fiume Adige e per la valorizzazione e il potenziamento del ruolo ecologico del fiume e delle sue pertinenze in comune di Verona
Scarica (.pdf) 0,8 Mb

PAT Comune di Verona

Stralcio tratto dal Piano di Assetto del territorio - Comune di Verona
Scarica (.pdf) 0,5 Mb

Il Parco Adige Sud, attraversato da un'ansa dell'Adige, ospita elementi di grande interesse naturalistico e storico come il lazzaretto, Villa Buri, Corte Dogana, i resti del convento femminile.

L'area del Giarol è già stata oggetto in anni precedenti di interventi di valorizzazione (bosco Ruffo) con la realizzazione di un bosco di nuovo impianto; conta su una fattoria didattica e di un orto per gli anziani.

Accordo Comune di Verona e FAI

Inoltre, è stato concluso di recente un accordo fra il Comune di Verona e il FAI per la gestione dell'area del lazzaretto.
Scarica (.pdf) 2,4 Mb

Interesse comune del Dipartimento e dell'Ufficio Ecologia del Comune è valorizzare sempre più l'intera area dal punto di vista ambientale attraverso l'apertura di una nuova zona umida che verrà realizzata creando tre nuovi laghetti nel terreno golenale alimentati dalla fossa morandina ed il suo utilizzo da parte della popolazione all'interno dei programmi complessivi del Dipartimento Sugli stili di vita.

Progetto zona umida

Carta delle fitocenosi del progetto

Forse ancor più importante è, però, il tentativo che verrà fatto, in modo programmato, di coinvolgere la popolazione nella discussione e nella definizione del progetto stesso prima dell'inizio dei lavori previsti nella primavera del 2013.

A questo proposito il Dipartimento di prevenzione ha attivato con l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV) di Venezia una convenzione che consenta di sperimentare anche a Verona modalità di coinvolgimento diffuso della popolazione nelle scelte urbanistiche che sono già in uso in altre parti d'Europa e che costituiscono un arricchimento del capitale sociale dell'intera società.

Convenzione con lo IUAV

Convenzione tra Azienda Ulss 20 ed Università IUAV di Venezia per l'esecuzione del programma di ricerca dal titolo "Lo spazio aperto e il verde urbano, una risorsa per l'aumento del capitale sociale"
Scarica (.pdf) 1,6 Mb

Per quanto concerne la fase laboratoriale del progetto, sono previsti tre principali momenti di lavoro:

  • Aprile maggio 2013: una prima fase ricognitiva, con interviste ai principali attori che operano nell'area, condotte da ricercatori dello IUAV (fase conclusa);
  • 20 giugno 2013: incontro-tavola rotonda con gli attori intervistati un successivo momento di confronto sui risultati emersi, in particolare su punti di forza, possibili sinergie e miglioramenti, idee per il futuro del Parco.
  • Indicativamente ottobre 2013: due giornate i primi giorni di ottobre, preferibilmente il venerdì 4 università di Verona e il sabato 5 fattoria didattica (da confermare date e sedi). Un evento di carattere laboratoriale, allargato ad altri soggetti (associazioni, istituzioni, etc.), con presentazione dei risultati fin qui discussi, una discussione attorno a casi interessanti di costruzione di Parchi urbani, e un importante momento di lavoro (modello laboratori partecipati tematici) per la messa a fuoco di questioni e potenzialità venute alla luce nella fase precedente.
Parco urbano scalo merci ferroviario

Realizzazione di un grande parco urbano alberato inserito nell'ambito dell'ex scalo merci ferroviaro retrostante la stazione "Porta Nuova" di Verona. Riportiamo due esempi europei di trasformazione di scali merci in parchi urbani: Berlino e Basilea. Per le esperienze recenti italiane si può consultare la pagina Europan 12 e vedere i progetti premiati nelle città di Venezia-Mestre e Milano
Berlino Scarica (.pdf) 1,7 Mb  Basilea Scarica (.pdf) 0,2 Mb

Orti e giardini condivisi

Il documento presenta alcune riflessioni maturate a partire dai risultati di una ricerca sul campo sui "Jardins Partagés" (JP) a Parigi, giardini collettivi, creati e gestiti da associazioni di quartiere in piccoli appezzamenti di terreno messi a disposizione dal Comune. I JPs sono un pezzo di campagna in città, il cui ruolo non è solo quello di dare l'occasione ai cittadini di "sporcarsi le mani con la terra". Attraverso la creazione di spazi condivisi, i JPs diventano infatti uno spazio di generazione e promozione di legami sociali e culturali, suggerendo scenari per un futuro sostenibile attraverso forme di autogoverno responsabile delle comunità locali. Per quanto riguarda i "Community garden" è interessante l'esperienza di un giardino a Londra
Easter Curve Garden Link esterno  Orti e giardini condivisi Scarica (.pdf) 0,1 Mb

Un pipistrellaio gigante

Negli ultimi anni in Italia si sente sempre più frequentemente parlare di pipistrelli sterminatori di zanzare e di metodi per incentivarne l'azione. I mezzi di informazione danno ampio risalto alla possibilità di impiego di rifugi ad hoc e numerosi cittadini e amministrazioni locali hanno deciso di aderire installando nei propri edifici le bat box, soprattutto per combattere la zanzara tigre.
Scarica (.pdf) 0,2 Mb


 

Ultimo aggiornamento: 28/11/2018
Condividi questa pagina: