Malattia da virus Zika (ZIKV)

Malattia da virus Zika (ZIKV)

Infezione umana da Zika virus: manifestazioni, clinica, trattamento, raccomandazioni e misure di profilassi

L’infezione umana da Zika virus (ZIKV) e una malattia virale trasmessa dalla puntura di zanzare infette del genere Aedes.

Zika, è simile al virus della febbre gialla, della dengue, dell'encefalite giapponese e dell’encefalite del Nilo occidentale. Il vettore e rappresentato dalle zanzare del genere Aedes, che comprendono l’Aedes aegypti (vettore originario, nota anche come zanzara della febbre gialla) e l’Aedes albopictus (più conosciuta come zanzara tigre e diffusa anche in Italia).

Queste zanzare sono responsabili anche della trasmissione della dengue, della chikungunya e della febbre gialla.

Ha un periodo di incubazione che può variare da 3 a 12 giorni ed una durata di 2-7 giorni. Le manifestazioni della malattia, sono costituite da un quadro clinico moderato che comprende: febbricola, eruzioni cutanee, congiuntivite, dolori articolari, in particolare alle mani e ai piedi e cefalea.

Il virus Zika è presente nelle regioni tropicali, in grandi popolazioni di zanzare, circola in Africa, nelle Americhe, in Asia meridionale e nel Pacifico occidentale.

Il virus Zika è stato scoperto nel 1947, ma per molti anni sono stati rilevati solo casi sporadici nell’uomo, in Africa e in Asia meridionale. Nel 2007, il primo focolaio documentato di malattia da virus Zika è occorso nel Pacifico.

Dal 2013, casi e focolai di malattia sono stati segnalati dal Pacifico occidentale, dalle Americhe e dall'Africa. I paesi in cui al momento sono in corso epidemie di virus Zika a rapida evoluzione, con trasmissione in aumento o diffusa sono: Colombia, Brasile, Suriname, El Salvador, Guiana Francese, Honduras, Martinica (Dipartimento francese d'oltremare), Messico, Panama, Venezuela.

I paesi in cui al momento vengono segnalati casi e trasmissione sporadica a seguito di introduzione recente del virus Zika sono: Barbados, Bolivia, Ecuador, Guadalupe, Guatemala, Guyana, Haiti, Porto Rico, Paraguay, Saint Martin.

La trasmissione avviene principalmente tramite la puntura di zanzara infetta dal virus e che può fare da veicolo da persona a persona.

Sono stati inoltre descritte le altre seguenti modalità:

  • Materno fetale, durante la gravidanza. Questa modalità di trasmissione è stata messa in relazione con la presenza di microcefalia e disturbi neurologici nel neonato (soprattutto se contratta durante il 1° e 2° trimestre di gravidanza);
  • Attraverso i rapporti sessuali con persone con infezione in atto (1 caso documentato);
  • Tramite trasfusione di sangue (raro).

Le manifestazioni della malattia, sono in genere simili a quelle di dengue e chikungunya. con un quadro clinico moderato:

  • febbricola;
  • eruzioni cutanee (soprattutto maculo-papulari), che partono dal volto e si diffondono al resto del corpo
  • congiuntivite;
  • dolori articolari, in particolare alle mani e ai piedi;
  • mal di testa.

L’esordio dei sintomi tende a verificarsi dai 3 ai 12 giorni dopo la puntura della zanzara.

I sintomi possono durare da 2 a 7 giorni e la malattia raramente richiede il ricovero ospedaliero. La sintomatologia tende ad essere molto simile a quella della dengue o chikungunya e può essere facilmente scambiata per una di queste malattie. Una persona su quattro non sviluppa sintomatologia.

In presenza dei sintomi tipici la diagnosi può essere confermata:

  • cercando il materiale genetico del virus (diagnosi virologica) in campioni ottenuti da pazienti durante la fase acuta dell'infezione;
  • verificando la presenza di anticorpi (diagnosi sierologica) a partire da 5 giorni dopo la comparsa della febbre.

Dato che solo una persona su quattro manifesta tale quadro è importante tenere presente anche il paese di provenienza della persona, in caso di viaggi internazionali).

Il trattamento consiste nell’alleviare il dolore, la febbre e qualsiasi altro sintomo che causa disagio al paziente.

Al momento non è disponibile nessun vaccino contro il virus Zika.

La migliore protezione dal virus Zika è prevenire le punture di zanzara. Prevenire le punture di zanzara proteggerà le persone dal virus Zika, e da altre malattie che sono trasmesse dalle zanzare come la dengue, chikungunya e febbre gialla.

I viaggiatori diretti in Paesi che hanno riportato la trasmissione locale del virus Zika, dovrebbero essere preventivamente informati del focolaio in corso.

In particolare per coloro che intendono recarsi in paesi dove esiste la possibilità di acquisizione dell’infezione da virus Zika si raccomanda di:

  • utilizzare repellenti per zanzare da usare sulla pelle. Tali repellenti, solitamente a base di DEET (Autan Plus®, Autan Tropical®, Off Active®), non sono raccomandati in presenza di bambini sotto i tre mesi di età, mentre possono essere utilizzati senza controindicazioni specifiche da donne in gravidanza;
  • utilizzare repellenti a base di permetrina (Biokill®), da usare preventivamente sui vestiti ed eventualmente sulle zanzariere;
  • indossare abiti, preferibilmente di colore chiaro, che coprano il corpo il più possibile (camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi), soprattutto durante le ore in cui il tipo di zanzara che trasporta il virus Zika è più attivo (dal tramonto all’alba);
  • dormire o riposarsi in camere schermate o climatizzate e utilizzare zanzariere.

E' anche importante mantenere vuoti e puliti, o coperti, contenitori che possono contenere anche piccole quantità di acqua come secchi, vasi da fiori o pneumatici, in modo che i luoghi in cui le zanzare si riproducono vengano rimossi.

I viaggiatori che presentano sintomi compatibili con la malattia da virus Zika entro le tre settimane dal ritorno da aree in cui è stata riportata trasmissione locale del virus, sono invitati a contattare il proprio medico, avendo cura di riferire del loro recente viaggio.

Le donne in stato di gravidanza, che hanno viaggiato in aree in cui è stata riportata trasmissione locale del virus Zika, devono dar notizia del loro viaggio durante le visite prenatali, al fine di essere valutate e monitorate in modo appropriato.

In particolare l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di:

  • informare tutti i viaggiatori verso le aree interessate da trasmissione diffusa di virus Zika o in cui sono segnalati casi di infezione da tale virus, di adottare le misure di protezione individuale per prevenire le punture di zanzara;
  • consigliare alle donne in gravidanza, e a quelle che stanno cercando una gravidanza, il differimento di viaggi non essenziali verso tali aree;
  • consigliare ai soggetti affetti da malattie del sistema immunitario o con gravi patologie croniche, il differimento dei viaggi o, quantomeno, una attenta valutazione con il proprio medico curante prima di intraprendere il viaggio verso tali aree;
  • raccomandare ai donatori di sangue, che abbiano soggiornato nelle aree dove si sono registrati casi autoctoni d'infezione di virus Zika, di attenersi al criterio di sospensione temporanea dalla donazione per 28 giorni dal ritorno da tali aree, nell'ambito delle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale, (come da indicazioni del Centro Nazionale Sangue).

In Italia la sorveglianza epidemiologica dei casi umani delle malattie trasmesse da vettori (con particolare riferimento a Chikungunya, Dengue, Zika virus e West Nile virus) e regolata dalla circolare ministeriale “Sorveglianza dei casi umani di Chikungunya, Dengue, West Nile Disease ed altre arbovirosi e valutazione del rischio di trasmissione in Italia - 2015”.

Inoltre, il ministero della Salute, il 27 gennaio 2016 ha pubblicato la Circolare n.2291 “Infezioni da Virus Zika - Misure di prevenzione e controllo”.

Infezioni da Virus Zika - Misure di prevenzione e controllo

Ministero della Salute - Circolare 2291 del 27 gennaio 2016. Tendenze alla diffusione della malattia in base alle informazioni e ai bollettini epidemiologici, raccomandazioni per i viaggiatori

Ministero della Salute - faq febbre da virus Zika

Domande e risposte sulla presenza, trasmissione, sintomi e sicurezza dei viaggi in Paesi in cui è circolante il virus

Potrebbe interessare

Sedi

Gli uffici ed i riferimenti per raggiungerci

Direttore

Informazioni sul Direttore del Servizio Igiene Sanità Pubblica

Personale

Il personale che lavora presso il Servizio Igiene Sanità Pubblica

Newsletter

Ricevi comodamente sulla tua email novità e scadenze