Home > Elenco Faq > Dettaglio faq

Quali sono le cause più comuni di meningite batterica?

Il meningococco è la causa più temuta di meningite, dal momento che può dare forme fulminanti e causare focolai epidemici.

Ne esistono diversi sierogruppi: quelli che più spesso causano una malattia invasiva sono i gruppi A, B, C, Y e W135; in Italia, i più frequenti sono il B e C.

Questo microrganismo può essere presente, senza dare sintomi, a livello della mucosa nasofaringea dei cosiddetti "portatori sani" (circa il 5-10% della popolazione adulta, fino al 25% degli adolescenti e dei giovani), da cui si può trasmettere ad altre persone.

L’uomo è l’unico serbatoio dell’infezione. Solo una piccola percentuale dei portatori (meno dell’1%) sviluppa la meningite o la sepsi (una grave infezione generalizzata). Le età più colpite dalla malattia sono i primi anni di vita (in particolare fino ai 4 anni) e il periodo dell’adolescenza/giovinezza.

Lo pneumococco, di cui esistono più di 90 sierotipi, è la principale causa di infezioni batteriche delle vie respiratorie (polmoniti, otiti, sinusiti) in tutte le fasce di età, ma può causare anche meningite e sepsi, in particolare nei bambini e negli anziani. Si tratta di un’infezione poco contagiosa. Lo stato di portatore sano nei bambini è comune.

L'Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) era la causa più frequente di meningite nei bambini fino ad alcuni anni fa; dal 1995, quando è stata introdotta la vaccinazione contro questo batterio per i bambini nel primo anno di vita, si è avuta una notevole diminuzione dei casi ed è diventato raro anche lo stato di portatore.

Ricerca nel sito
pin CORONAVIRUS

Ordinanza n. 55 del 29 maggio 2020
Regione Veneto. Ordinanza n. 55 del 29 maggio 2020. Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da virus COVID-19
Aggiornamenti nella pagina sull'infezione da coronavirus