Ingresso in Italia da Paesi UE e Schengen

Rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza delle persone provenienti da Paesi esteri, come da Ordinanza del 12 agosto 2020

Paesi interessati dal provvedimento

Chiunque faccia ingresso in Italia proveniente dai seguenti Paesi:
  • Croazia
  • Francia (limitatamente alle Regioni Alvernia-Rodano-Alpi, Corsica, Hauts-de- France, Ile-de-France, Nuova Aquitania, Occitania, Provenza-Alpi-Costa azzurra)
  • Grecia
  • Malta
  • Spagna

Deve comunicare il proprio ingresso al Dipartimento di Prevenzione attraverso il previsto modulo online.

Ha l’obbligo di presentare al vettore e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, attestazione di essersi sottoposto, nelle 72 ore precedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo, OPPURE deve sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo sul territorio ovvero entro 48 ore dall’ingresso in Italia. In attesa dell’esito del test le persone sono sottoposte all’isolamento fiduciario.

Ai sensi del DPCM del 7 settembre 2020, a condizione che non insorgano sintomi di COVID-19, gli obblighi di cui sopra non si applicano:

  • all'equipaggio dei mezzi di trasporto;
  • al personale viaggiante;
  • ai movimenti da e per gli Stati e territori di cui all’elenco A dell’allegato 20;
  • agli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;
  • agli ingressi per ragioni non differibili, inclusa la partecipazione a manifestazioni sportive e fieristiche di livello internazionale, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia deputato ad effettuare controlli, l’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo.
A condizione che non insorgano sintomi di COVID-19 e che non ci siano stati soggiorni o transiti nei quattordici giorni antecedenti all’ingresso in Italia in uno o più Paesi di cui agli elenchi C e F dell’allegato 20, gli obblighi di quarantena per 14 giorni e di sorveglianza sanitaria non si applicano:
  • a chiunque fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare l’isolamento fiduciario ed effettuare la comunicazione prevista al punto 1;
  • a chiunque transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare l’isolamento fiduciario ed effettuare la comunicazione prevista al punto 1;
  • ai cittadini e ai residenti degli Stati e territori di cui agli elenchi A, B, C e D dell’allegato 20  che fanno ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro;
  • al personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie, incluso l'esercizio temporaneo di cui all'art. 13 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18;
  • ai lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;
  • al personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore. In questo caso vige l’obbligo di effettuare specifica comunicazione al dipartimento di prevenzione attraverso modulo on-line rientro soggiorno estero inferiore alle 120 ore;
  • ai funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare nell'esercizio delle loro funzioni e personale di Polizia di Stato;
  • agli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

Riferimenti

  • Ordinanza Ministeriale 21 settembre 2020 - Scarica [.pdf] 0,1Mb
  • Ministero della Salute - ordinanza 12 agosto 2020 - Scarica [.pdf] 0,2 Mb
  • DPCM 7 settembre 2020 - Scarica [.pdf] 0,2 Mb
  • Allegato 20 DPCM 7 settembre 2020 - Scarica [.pdf] 0,1 Mb
 

Modulo online

Tutte le persone rientranti dai Paesi interessati dal provvedimento, indipendentemente dall'età, devono compilare il modulo online
 

Per informazioni

  • per chi chiama dall'Italia Numero verde 800 936666 (orario: Lunedì - Venerdì 9.00 - 16.00; Sabato 9.00 - 13.00)
  • per chi chiama dall'estero +390458073393 (orario: Lunedì - Venerdì 9.00 - 16.00)
  • e-mail: rientro@aulss9.veneto.it
Ultimo aggiornamento: 22/09/2020
Condividi questa pagina: