Meningite

La meningite. Da cosa è causata, modalità di trasmissione, quali sono i sintomi, vaccini, incidenza dei casi in Italia e nel Veneto


COS'È LA MENINGITE

La meningite è una malattia infettiva. Provoca un’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi).

I microorganismi che possono causare questa infezione sono molti: virus, batteri o funghi. Le forme virali sono quelle più comuni, solitamente non hanno conseguenze gravi e si risolvono nell'arco di una decina di giorni.

Le forme batteriche sono più rare ma estremamente più gravi: infatti possono dare sequele permanenti o avere conseguenze letali. Per maggiori informazioni consulta le domande frequenti (link interno)


MENINGITE: NO ALLARMISMI, SEGUIRE LE INDICAZIONI SANITARIE

Le principali forme di meningite batterica contagiose sono quelle causate dal germe Neisseria Meningitidis (Meningococco).Nel corso del 2016, con un andamento crescente, è salita la preoccupazione nei confronti della meningite e in particolare quella causata dal germe Neisseria Meningitidis (meningococco.

Non tutte le meningiti sono da Meningococco (la forma più temuta e pericolosa), ma anche dall'Haemophilus Influenzae e dal non contagioso Streptococcus Pneumoniae (Pneumococco).

Le fasce d'età a rischio più elevato sono: i bambini piccoli, gli adolescenti e le persone anziane, per i quali è prevista la chiamata attiva e la gratuità per le vaccinazioni comprese nel calendario vaccinale.


Meningite: cosa c'è da sapere

Opuscolo a cura di: Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità (ISS) e Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) sulle dieci cose da sapere sulla meningite in Italia, soprattutto sulla forma più aggressiva, quella di natura batterica, e sulle vaccinazioni disponibili per prevenirla.
Opuscolo

Ultimo aggiornamento: 18/12/2019
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito
pin CORONAVIRUS

Ordinanza n. 59 del 13 giugno 2020
Regione Veneto. Ordinanza n. 59 del 13 giugno 2020. Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da virus COVID-19. Ulteriori disposizioni
Aggiornamenti nella pagina sull'infezione da coronavirus