INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 9 Scaligera utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA

Strutture per la prima infanzia

Requisiti strutturali e pareri igienico-sanitari necessari per l'apertura di strutture per l'infanzia

 

Le scuole, ed in particolare le strutture per la prima infanzia (asili nido, micronidi, nidi integrati, nidi aziendali, centri infanzia, baby parking), costituiscono ambiti particolarmente delicati sotto molti aspetti e per questo sono oggetto di particolari tutele anche dal punto di vista igienico-sanitario.

Negli ultimi anni sono pervenute a questo Dipartimento numerose richieste di parere igienico-sanitario preliminare alla realizzazione di strutture per la prima infanzia sul territorio dei 36 comuni dell'ULSS 20 (ubicate in edifici preesistenti oppure di recente costruzione).

Il fabbisogno di tali strutture è andato infatti aumentando nel tempo di pari passo con le modifiche demografiche e sociali, ad esempio l'aumento del numero di donne che lavorano ed il passaggio dalla famiglia allargata ad una di tipo nucleare.

Per questo motivo molti soggetti pubblici e privati hanno ampliato l’offerta di strutture apposite, pubbliche e private, mentre la legge regionale 22/2002 e la DGRV 84 del 16/1/2007 hanno fissato i requisiti e le modalità di realizzazione, autorizzazione e accreditamento di tali strutture.

Il numero di questi servizi è andato via via crescendo. I progetti presentati nella maggior parte rappresentano una evoluzione favorevole rispetto al passato, grazie anche alla presenza di chiari parametri di riferimento in seguito alla promulgazione della citata normativa.

Per rendere possibile l'applicazione dei criteri stabiliti dalla LR 22 e dalla DGRV 84 sono state inoltre attivate due commissioni per l'autorizzazione all'esercizio delle strutture per la prima infanzia ai sensi della legge 22/2002 (una per il Comune di Verona e una per i rimanenti Comuni dell'ULSS).

Purtroppo però talvolta vengono attivate strutture per l'infanzia che non rispondono appieno alla normativa di cui sopra; a volte è stato necessario negare il parere favorevole richiesto sempre per la mancanza dei necessari requisiti. Nella maggior parte dei casi il problema principale era rappresentato dall'assenza di un'area scoperta e soprattutto della collocazione in aree inadatte perché ubicate in zone di scarsa qualità dell'aria, con presenza di sorgenti inquinanti sotto il profilo acustico e atmosferico.

Altre volte ci sono state presentate richieste che riguardavano asili nido, aziendali o non, posti vicino a industrie a rischio di incidenti rilevanti o a insediamenti pericolosi per quanto riguarda il rischio di incendio o scoppio, indipendentemente dalla zona urbanistica. In questi casi è necessaria una valutazione accurata per verificare l’entità del rischio e la necessità di interventi sulle aziende vicine. Altri problemi strutturali frequentemente riscontrati riguardavano gli edifici inadeguati.

Non c’è dubbio quindi che le mutate condizioni pongano un problema generale di pianificazione al momento della realizzazione di queste strutture, che devono garantire l’assenza di fattori di rischio per la salute nell’età in cui la vulnerabilità è maggiore. È quindi indispensabile, prima di aprire un asilo nido (anche allo scopo di evitare inutili perdite di tempo sia a chi presenta la domanda che agli operatori dell'Ufficio Igiene Edilizia), verificare attentamente se la zona ha le caratteristiche necessarie e quindi assicurare il posizionamento in edifici con i necessari requisiti, posti in un’area a basso inquinamento.
Infine è indispensabile che, come prevede la normativa, queste strutture abbiano la disponibilità di una zona scoperta (meglio ancora se un giardino o altra area verde) dove i bambini possano giornalmente essere accompagnati, in tutte le stagioni, per poter giocare e fare del movimento libero al di fuori degli spazi confinati. Infatti il movimento, necessario in tutte le età, nei bambini rappresenta un fattore fondamentale per la salute, per una crescita armonica e per l'acquisizione di corretti stili di vita.

È possibile rivolgersi all'Ufficio Igiene Edilizia per richiedere il rilascio di parere igienico-sanitario per locali destinati a nido privato, che devono conformarsi ai requisiti edilizi previsti dalla legge.

A questo scopo è stata predisposta una check-list che specifica i vari requisiti necessari per l'apertura di una nuova struttura per l'infanzia. In particolare si sottolinea che la legge prevede che gli asili nido e strutture affini siano ubicati in zone salubri, lontane da fonti di inquinamento o di pericolo (ad es. traffico, attrezzature urbane che possano arrecare disagio, industrie a rischio ecc.).

L'Ufficio Igiene Edilizia collabora inoltre in varie forme con i Comuni e con l'Ufficio Qualità dell'ULSS 20 come consulente per le procedure di autorizzazione ed accreditamento ai sensi della legge 22. Per tutte le informazioni agli utenti. in merito alle procedure di accreditamento – autorizzazione ai sensi della legge 22, si consiglia di rivolgersi direttamente ai Comuni.

Guida alla realizzazione di un servizio per la prima infanzia

Manuale della Regione Veneto sulle strutture per la prima infanzia, con un capitolo dedicato a chi vuole aprirne una (dal sito  venetosociale )

Ultimo aggiornamento: 06/12/2018
Condividi questa pagina: